Conferenza di organizzazione – 18 giugno 2015

Conferenza di organizzazione territoriale – 18 giugno 2015 Continua »

Sottoscritto a Brindisi Accordo tra INAIL SPeSAL e CGIL CISL UIL

Dopo il Protocollo d’intesa tra l’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro – Direzione Regionale per la Puglia, le Confederazioni regionali di CGIL,CISL e UIL è stato sottoscritto, anche a Continua »

12 dicembre 2014 – Sciopero generale nazionale

Continua »

Jobs Act

jobs

Giornata internazionale eliminazione violenza contro le donne

manifesto_Donne_2015

Sicurezza? Informiamoci, formiamoci, parliamone

iniziativa_FIOM_Sicurezza_informazione_Formazione

Documenti (.pdf):

Attività in luoghi di lavoro confinati – Il ruolo dello Spesal – Intervento Dott. Convertini

Attività in luoghi di lavoro confinati – Spesal – Intervento Dott. Longo

Presentazione Dott. Picci INAIL – Infortuni

Presentazione-Dott.-Picci-INAIL-Malattie-professionali

Attività dei patronati presso l’INAIL di Brindisi 2012-2014

Malattie professionali INCA BRINDISI

Guida INCA Malattie Professionali

 

 

Al Sud, lavoro. La CGIL per creare lavoro e sviluppo nel mezzogiorno.

01

Inaugurazione nuova sede cittadina.

LOCANDINA INAUGURAZIONE

R.L.S. Protagonisti della sicurezza sul lavoro

Documenti (.pdf):

1 Formazione  RLS del 22 Giugno ’15  - INAIL SPESAL CGIL CISL UIL

2 Presentazione Accordo attuativo prevenzione Dott. Francesco Picci

3 Le competenze dello SPeSAL nel settore industriale (Longo E. SPESAL)

4 Presentazione soggetti prevenzione Dott.ssa Biagia Altamura – Ing. Massimo Cervellati

5 Norme sulla prevenzione delle interferenze nei lavori Dott. Ariano

6 Direttive Seveso  Avv. Diego Mangia

7 Accordo Attuativo INAIL SPeSAL CGIL CISL UIL Brindisi

8 Allegati Dlgs n 334-99

 

 

Conferenza di organizzazione – 18 giugno 2015

Conferenza di organizzazione territoriale – 18 giugno 2015

Le preoccupazioni della Filctem Cgil sul polo industriale brindisino

Nella giornata odierna, 8 maggio ’15, Emilio Miceli Segretario Nazionale della FILCTEM CGIL, ha partecipato al Comitato Direttivo della Filctem di Brindisi, unitamente a Michela Almiento Segretaria della CGIL di Brindisi, Gino D’Isabella Coordinatore Filctem Puglia e Salvatore Viva Segretario di Brindisi.

Nel corso dei lavori sono state esposte criticità e vertenze del territorio relative ai comparti chimico, energetico e tessile nell’ambito di una disamina complessiva delle possibilità di rilancio dello sviluppo industriale a Brindisi, chiaramente condizionato dal protrarsi dei tempi per le procedure ministeriali per le bonifiche dell’area Sin, ma che deve trovare attenzione per quegli investimenti mirati che possono essere agganciati ai fondi strutturali europei messi a disposizione per la programmazione 2014/2020.

E’ per questo che particolare attenzione è stata dedicata allo stabilimento della Jindal films che in un’ottica di implementazione dell’impianto sta manifestando volontà a partecipare ai bandi dei Fondi strutturali europei, attraverso un Contratto di Programma sottoscritto con la Regione Puglia.
Fondi strutturali già utilizzati, in passato, da Sanofi- Aventis per nuove filiere produttive con un investimento totale di oltre 28 milioni di euro, di cui 8,4 concessi dalla Regione.

Come CGIL abbiamo già evidenziato e richiesto alla Regione che i finanziamenti devono essere erogati per processi d’innovazione e implementazione delle attività produttive associati a una crescita dell’occupazione.

Sul versante vertenziale preoccupa la mancanza di prospettive per i 250 lavoratori (tra diretti e indotto) della Centrale Edipower. Si è in attesa dell’atto definitivo sul procedimento di autorizzazione per il nuovo impianto di produzione di Combustibile Solido Secondario, che si annuncia negativo, e del conseguente impegno del Prefetto di Brindisi, di convocare Azienda, Sindaco e Presidente della Provincia di Brindisi e parti sociali. I delegati hanno chiesto a Emilio Miceli di impegnare il Gruppo A2A a perseverare e sostenere il Piano di riconversione del sito, così come previsto nel Piano Industriale 2015/2019, riproponendo anche a Brindisi tutto quanto contenuto nell’ipotesi di accordo sottoscritto a Messina per la Centrale siciliana.

Rispetto alla Centrale ENEL sono state, invece, evidenziate le innovazioni di processo attuate attraverso l’installazione dei nuovi filtri a manica per la riduzione delle polveri e la prossima ultimazione dei parchi carbone chiusi. Sempre per il Gruppo ENEL sono state, però, espresse fortissime preoccupazioni per l’annunciata volontà aziendale di ulteriore riduzione del personale del Centro Ricerca da reimpiegare nel Gruppo ENEL, pur avendo di fatto il Centro Ricerca ENEL di Brindisi, un organico palesemente esiguo a fronte di importanti attività in corso su Ambiente e Residui, con lavoro assicurato almeno fino al 2017.

Sul versante del Tessile Abbigliamento Calzaturiero, si registrano in provincia di Brindisi perdite notevoli di attività e occupazione a causa dell’affacciarsi sul mercato dei paesi emergenti e rispetto a tale fenomeno bisognerebbe aumentare la qualità dei prodotti e studiare una strategia nazionale per il rilancio della piccola e media impresa. Nel Direttivo sono state riprese le proposte che come CGIL di Brindisi sono state fatte nell’ambito del Piano di Lavoro Territoriale: c’è bisogno di puntare alle lavorazioni di nuovi tessuti e nuovi prodotti che possono essere utilizzati dagli stessi insediamenti industriali del polo brindisino sul versante della sicurezza nei luoghi di lavoro.

La riunione di Brindisi si è svolta oltre che per un dibattito interno, anche, per preparare al meglio il confronto pubblico “Sviluppo: serve l’industria”, organizzato unitariamente dal Sindacato e che si svolgerà a Lecce, domani (oggi ndr) con la partecipazione del Sottosegretario del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali On. Teresa Bellanova.

COMUNICATO STAMPA FILCTEM CGIL

Sottoscritto a Brindisi Accordo tra INAIL SPeSAL e CGIL CISL UIL

Dopo il Protocollo d’intesa tra l’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul
Lavoro – Direzione Regionale per la Puglia, le Confederazioni regionali di CGIL,CISL e UIL è stato
sottoscritto, anche a Brindisi, l’Accordo Attuativo per le iniziative da realizzare sul territorio.
L’accordo è stato siglato dai referenti per la Sicurezza del Sindacato, Antonio Frattini CGIL –
Emiliano Giannoccaro CISL – Cosimo Zuccaro UIL, e dai Responsabili di INAIL e SPeSAL
competenti in materia di prevenzione, salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.
Tra le finalità dell’accordo attuativo la realizzazione di azioni congiunte in materia
prevenzionale e di tutela della salute, finalizzate a fornire ai RLS e RLST informazioni utili per la
prevenzione dei rischi, la promozione del benessere sui luoghi di lavoro e la partecipazione
attiva dei lavoratori alla tutela della loro salute e sicurezza, coerenti con le esigenze del mondo
del lavoro.
Scopo dell’intesa è quello di ridare forza e rinsaldare le relazioni istituzionali con i diversi attori
del Sistema Prevenzione e Sicurezza, monitorare costantemente gli infortuni sul lavoro e le
malattie professionali nei vari settori produttivi, pubblici e privati.
Su queste basi CGIL CISL UIL, INAIL e SPeSAL si sono impegnati a realizzare nell’anno 2015
iniziative di formazione – informazione rivolta agli RLS dell’indotto industriale sui rischi specifici
dei siti, la normativa Seveso, i luoghi confinati e un progetto di formazione riservato ai RLS e
RLST dei settori agricoltura, industria, terziario e pubblico impiego.
In tale contesto lo SPeSAL e INAIL insieme al Sindacato garantiranno il supporto tecnicoscientifico
e organizzativo per la predisposizione dei progetti formativi con la partecipazione in
qualità di docenti di medici competenti, tecnici della prevenzione e dirigenti sindacali esperti in
sicurezza.
La prima iniziativa si svolgerà nel mese di Maggio, presso la sala conferenze della Centrale
Federico II di ENEL a Brindisi.

Brindisi li, 23 aprile ’15

Responsabili Settore Sicurezza

CGIL CISL UIL
Antonio Frattini Emiliano Giannoccaro Cosimo Zuccaro

12 dicembre 2014 – Sciopero generale nazionale

sciopero_12122014_1

sciopero2